Händlerlinks
Entro il 2030 Finstral sarà CO<sub>2</sub>-neutra.
Entro il 2030 Finstral sarà CO2-neutra.
Per una realtà a conduzione familiare come Finstral, pensare a lungo termine e agire nel rispetto delle risorse è parte integrante della cultura aziendale.
Una strategia che include da un lato la sfera economica e sociale, traducendosi in una gestione aziendale solida e rapporti con collaboratori, fornitori, partner e clienti basati sulla stima e sulla fiducia. Dall’altro è volta alla continua riduzione dell’impronta ecologica. In tutti e tre gli ambiti ci poniamo obiettivi ambiziosi e ci adoperiamo per conseguirli con un impegno costante.

Come riuscire a migliorare sempre.
“Si possono raggiungere rapidamente piccoli traguardi, ma questo non basta”, dice Florian Oberrauch, vicepresidente del Consiglio di Amministrazione, e responsabile della produzione e della logistica. “Agire in modo veramente sostenibile è molto complesso, perché significa analizzare in ogni minimo dettaglio e ottimizzare costantemente tutti i processi aziendali.” Per misurare l’impegno di Finstral, non bisogna limitarsi ai notevoli risultati parziali già conseguiti per ridurre l’impronta ecologica. Va anche apprezzata la comunicazione trasparente con cui spiega il proprio approccio metodologico nell’ambito della sostenibilità. “Per ottimizzare sistematicamente i nostri processi”, spiega Florian Oberrauch, “dal 1999 abbiamo implementato un sistema di gestione ambientale certificato secondo ISO 14001 e dal 2014 un sistema di gestione dell’energia secondo ISO 50001. Questo ci ha consentito di fare un grande passo in avanti”.

Il prossimo step per l’azienda altoatesina è la realizzazione di uno strumento integrale per misurare la propria impronta ecologica: il Finstral Environmental Impact Board, la nostra scheda di impatto ambientale. Questa rileva in modo trasparente tutti i fattori, dalla produzione ai processi prima e dopo di Finstral, fino agli effetti ottenuti attraverso l’uso dei prodotti. “Abbiamo preso come riferimento il Greenhouse Gas Protocol (GHG), riconosciuto a livello internazionale. Oltre alle emissioni di gas serra, però, esaminiamo anche altri temi rilevanti per l’ambiente, come il consumo di acqua o i rifiuti”, spiega Katrien Romagnoli, responsabile del reparto Energia e Ambiente di Finstral. “Così abbiamo una visione completa e possiamo trovare sistematicamente nuovi spunti per ridurre la nostra impronta ecologica”.

Il nostro impatto ambientale
Può agire in modo sostenibile solo chi conosce la propria impronta ecologica. Con l’Enviromental Impact Board, Finstral ha sempre ben in vista tutte le emissioni e gli emittenti dell’azienda. In queste due pagine presentiamo una selezione di progetti in corso e alcuni obiettivi già raggiunti.
Entro il 2030 Finstral sarà CO<sub>2</sub>-neutra.
FINSTRAL ENVIRONMENTAL IMPACT BOARD
Dichiarazioni Ambientali di Prodotto (completato)

Per diverse combinazioni di materiali delle finestre Finstral, dal 2022 sono disponibili certificazioni EPD: PVC, PVC-alluminio, alluminio e alluminio-legno. finstral.com/epd

CO2
Emissioni zero (in corso)

Emissioni di CO2 generate da processi di produzione e attivita aziendali (scopo 1 e 2) entro il 2030: 0 t

PRODUZIONE DEI MATERIALI
PVC post-industriale (completato)

Percentuale di granulato di PVC riciclato sul volume prodotto nel 2020: 23%

Riciclo di vetro (completato)
Residui di vetro risultanti dalla lavorazione, restituiti nel 2020 al nostro fornitore in modo che potesse ridurre il consumo energetico nella produzione: 1.203 t

Alluminio secondario (in corso)
Risparmio di CO2 annuo grazie al graduale passaggio all’alluminio secondario, con fino al 70% di materiale riciclato post-consumo da metà 2022: ca. 2.123 t

IMBALLAGGIO DEI MATERIALI
Imballaggio dei componenti acquistati (completato)
Ottimizzazione sistematica dei materiali per gli imballaggi in collaborazione con i fornitori. Obiettivo: ridurre drasticamente i volumi di imballaggio.

PRODUZIONE DI ENERGIA
Energia verde (completato)

Riduzione delle emissioni di CO2 grazie al graduale passaggio all’energia verde nei processi produttivi, al teleriscaldamento e all’attuazione di misure di efficientamento energetico (2020 vs 2012): -60%

Fotovoltaico (in corso)
Percentuale del fabbisogno totale di energia elettrica coperto da impianti fotovoltaici installati sui tetti dei capannoni produttivi e degli uffici o attraverso altre fonti rinnovabili (dal 2025): 20%

FLOTTA AZIENDALE
Trasporto (in corso)
Passaggio della propria flotta di camion a gas rinnovabili, come ad esempio Bio-LNG, entro il 2030.

PROCESSI PRODUTTIVI
Incollare anziché spessorare (completato)

I vetri isolanti di Finstral sono sempre saldamente incollati ai profili dell’anta. Così è il vetro a garantire la stabilità dell’anta. In questo modo possiamo ottimizzare l’utilizzo dei materiali, ovvero estrudere profili molto più sottili impiegando la metà dell’acciaio per i rinforzi rispetto agli standard di mercato. Acciaio risparmiato all’anno (2021 vs 2012): -670 t

Acqua (completato)
Quantità di acqua risparmiata per la verniciatura dell’alluminio grazie ad un apposito impianto di recupero nel 2021: 1.346 m³

Risparmio energetico (completato)
Riduzione del fabbisogno energetico negli stabilimenti in Italia nonostante l’aggiunta di linee di produzione, di un forno di tempra e un impianto di verniciatura a polvere (2020 vs 2012): -11%

Efficienza legno, vetro e alluminio (in corso)
Riduzione del fabbisogno energetico per la lavorazione di profili in legno, la produzione di vetro isolante e la verniciatura dell’alluminio (entro 2025 vs 2021): -5%

Efficienza estrusione profili (in corso)
Riduzione del fabbisogno energetico (kWh/kg) per l’estrusione dei profili in PVC di Finstral (entro 2025 vs 2012): -17%

Efficienza produzione finestre (in corso)
Riduzione del fabbisogno energetico (kWh/tempo standard) per la produzione di finestre e porte (entro 2025 vs 2012): -25%

MONTAGGIO DEI PRODOTTI
Sostituzione di finestre in legno con un intervento minimo (completato)
Due ore per serramento invece di un giorno, nessun bisogno di allestire un cantiere e l’approvazione di ift: dal 1978 Finstral sostituisce vecchie finestre in legno rivestendo semplicemente il telaio esistente, una soluzione ormai comprovata a livello europeo.

Sostituzione di finestre in PVC o alluminio con un intervento minimo (in corso)
Solo 30 minuti per finestra, niente sporco, nessun bisogno di allestire un cantiere e l’approvazione di ift: Finstral sta lavorando per rendere la posa con rivestimento interno del vecchio telaio il metodo standard sul mercato europeo per una sostituzione più rapida di vecchie finestre in PVC o alluminio. Questo tipo di posa consente di sostituire il doppio dei serramenti con lo stesso numero di posatori.

Posa in due fasi (in corso)
Aumenta l’efficienza, riduce possibili danni al serramento e semplifica radicalmente la sostituzione della finestra a fine vita: Finstral sta lavorando per rendere la posa in due fasi (inserimento del controtelaio nella fase di costruzione al grezzo, montaggio della finestra solo alla fine dei lavori), diffusa nell’Europa meridionale, il metodo standard sul mercato europeo.

TRASPORTO DEI PRODOTTI
Imballaggi protettivi (completato)

Le finestre sono elementi costruttivi imballati con un impiego ridotto di materiali. Attraverso un’ottimizzazione sistematica, lavoriamo costantemente per rendere i materiali per gli imballaggi sempre più facili da separare e da smaltire, riducendone al minimo l’utilizzo.

RICICLAGGIO DEI PRODOTTI
Riciclo dei serramenti Finstral (in corso)
Chiusura del ciclo dei materiali nella zona della vendita diretta, dall’Alto Adige a Verona, attraverso il riutilizzo di vecchie finestre presso lo stabilimento di Oppeano (dal 2024).

ISOLAMENTO EDIFICI
Isolamento ottimale (completato)

Con i nostri serramenti garantiamo i migliori valori di isolamento con un minimo utilizzo di materiali. FIN-Project Nova-line, il nostro telaio in alluminio più venduto, si compone di appena quattro materiali (alluminio, PVC, guarnizione, nastro adesivo) e raggiunge un valore Uf di: 1,0 W/m²K

SCOPO 1: emissioni da impianti di nostra proprietà o gestiti da noi
SCOPO 2: emissioni da energia acquistata
SCOPO 3: emissioni da altre aree

Finstral ha implementato un sistema certificato di gestione ambientale (ISO 14001) dal 1999 e di gestione dell’energia (ISO 50001) dal 2014.
Il Finstral Environmental Impact Board si basa sul Greenhouse Gas Protocol (GHG).
Interessato a proseguire con la lettura?
Scopra di più qui.
Inno alla normalità.
Inno alla normalità.
Inno alla normalità.
Da anni la scena architettonica belga entusiasma con edifici eccezionalmente normali. Casualità o filosofia?
Framing Light.
Framing Light.
Pensare alla luce e avere idee luminose: chi costruisce deve saper fare entrambe le cose. Otto domande ad architetti provenienti da tutta Europa.
Intervento minimo.
Intervento minimo.
Allestire ponteggi? Sgomberare? Coprire i mobili? Niente di tutto ciò. Sostituzione di finestre a Erfurt: più efficienza grazie a una soluzione di posa innovativa.