Händlerlinks
Il risanamento riqualificato.
Il risanamento riqualificato.
Veloce e perfetta. La posa con rivestimento interno del vecchio telaio fa risparmiare tempo e denaro salvaguardando l’ambiente.
La sostituzione delle finestre con rivestimento interno del vecchio telaio è più silenziosa, rapida, semplice ed economica. Grazie alle innovative ante Nova-line Finstral consente una sostituzione meno invasiva che preserva la struttura edilizia, riducendo tempi e costi legati al personale.

Testo: Anna Thaler
Foto: Erik Mosoni

Nella via Alter Postweg 101 è in corso una ristrutturazione. Ma non si vede subito. Infatti non ci sono impalcature, niente polvere che si solleva. Nessun rumore e nessuna macchina pesante in moto. L’unico segnale di questo grande cantiere nel centro di Augusta è uno sbarramento: una recinzione biancorossa che delimita una superficie asfaltata di cinque metri quadrati. Se si alza lo sguardo verso l’alto, si stagliano 16 piani, che ospitano uno studio legale, un’agenzia viaggi, la scuola tecnica di Augusta (Technikerschule Augsburg), aule universitarie e numerosi altri uffici. E si possono ammirare 901 ampie finestre in alluminio di colore grigio. Oggi l’edificio, costruito nel 1974, è un testimone moderno e senza tempo di un’epoca in cui esistevano ancora i telefoni a disco.

E come tante altre delle 300 milioni di finestre montate negli anni novanta, anche quelle installate nel grattacielo sono lontanissime dagli standard attuali. I requisiti a cui devono rispondere i serramenti si sono radicalmente trasformati nel corso dei decenni. Proprietari e locatari di immobili esigono maggiore funzionalità, isolamento e stabilità, mentre costruttori e progettisti attribuiscono sempre più importanza all’estetica. Una cosa, però, non è cambiata: il montaggio, che viene infatti eseguito ancora come 50 anni fa.

Preservare la struttura edilizia

Ma esistono soluzioni alternative: ne sa qualcosa Timo Sachse, responsabile tecnico Finstral per la Germania. Più di un anno e mezzo fa ha contribuito a sviluppare il sistema di posa con rivestimento interno del vecchio telaio. “Perché gettare via preziose componenti edili se solo una determinata parte dell’edificio è veramente da rinnovare?”, pensò allora e trovò una soluzione per utilizzare il telaio esistente come una sorta di controtelaio per la nuova finestra. Si rimuovono solo l’anta vecchia e la ferramenta. Successivamente dall’interno si applica un nuovo profilo, posto a sormonto di quello esistente. L’elemento decisivo in questo tipo di montaggio è costituito da Nova-line, l’anta con soluzione a tutto vetro sull’esterno. Sul lato interno i nuovi profili rivestono completamente il vecchio telaio, garantendo ottime caratteristiche isolanti ed un’adeguata funzionalità. Sul lato esterno la finestra preserva le sue linee originarie grazie all’estetica a tutto vetro dell’anta. L’aspetto complessivo dell’edificio rimane invariato. La posa in opera si esegue esclusivamente dall’interno, così da conservare intatta la facciata di 46 anni. Con una sostituzione convenzionale delle finestre si sarebbe invece dovuto intervenire massicciamente sulla facciata e ricostruirla ex novo.

Anche la posizione isolata dell’edificio comporta sfide per il risanamento: i piani superiori sono esposti spesso a forti raffiche di vento e a un intenso irraggiamento solare. “Le ante delle finestre hanno una larghezza di un metro e mezzo e un’altezza di quasi due metri. Quando soffiava il vento, gli inquilini avevano spesso difficoltà anche solo ad aprirle, senza contare l’ingombro che creavano. E in estate l’edificio si riscaldava eccessivamente costringendo le persone ad appendere delle lenzuola per proteggersi dall’afa”, racconta Timo Sachse. La soluzione Finstral: sostituire le massicce finestre di tre metri quadrati con ante accoppiate di facile utilizzo. La variante Nova-line con montante mobile rivestito di vetro permette di realizzare una superficie vetrata esterna continua preservando l’aspetto originario della facciata. Dall’interno la finestra garantisce un utilizzo più confortevole e può essere aperta anche a ribalta. La protezione dal sole è assicurata da una veneziana integrata nell’anta accoppiata, al riparo dalle intemperie. La sostituzione incrementa le caratteristiche fonoisolanti delle finestre, che passano da 27 dB a 44 dB. Le proprietà di isolamento termico migliorano addirittura di quattro volte, da circa Uw 4,0 a Uw 1,2 W/m2K. Gli ottimi standard qualitativi degli allestimenti non impediscono a Finstral di proporre un prezzo molto più basso rispetto a quello stimato dai competitor per il montaggio di semplici finestre standard. Beh, è chiaro: si evita di allestire ponteggi, non servono sistemazioni temporanee per i locatari, si riducono i lavori di muratura e pittura e si accorciano i tempi di posa. “Avevamo grossi dubbi su come venisse eseguita la sostituzione delle finestre”, racconta Kerstin Vogler, responsabile dell’amministrazione del grattacielo. “E poi ci siamo sentiti molto sollevati perché è filato tutto liscio. Abbiamo sostituito le finestre durante il normale funzionamento dell’edificio, tutti i locali sono rimasti affittati. I locatari sono entusiasti: l’isolamento acustico è migliorato notevolmente. Quando le finestre sono chiuse non si sente alcun rumore, nonostante la vicinanza di una strada principale molto trafficata.”

Risparmiare tempo e personale

16 piani, 901 finestre, quattro mesi: in gran parte dei casi i posatori lavorano a gruppi di cinque, anche sei persone. Sostituiscono tra dodici e sedici finestre al giorno, cinque giorni a settimana. Se necessario, lavorano anche di sabato. Per ogni ambiente la posa dura al massimo mezza giornata. I montatori possono gestire le modalità d’intervento con la massima flessibilità: vento e intemperie rendono difficoltosi i lavori su un lato dell’edificio? Allora ci si sposta semplicemente sull’altro. Ferie e chiusure aziendali vengono sfruttate per montare i serramenti nelle aule e negli uffici. “Noi ci siamo sempre: dove c’è bisogno di noi, dove desiderano i locatari”, racconta Timo Sachse. “Questa flessibilità è uno dei motivi per cui il nostro metodo di risanamento permette di risparmiare tempo ed evitare qualsiasi complicazione.”

Il principio della posa con rivestimento interno del vecchio telaio rivoluzionerà la sostituzione delle finestre. Timo Sachse ne è sicuro. Per quale motivo? Perché tutte le parti coinvolte ne beneficiano. Il costruttore risparmia tempo e denaro, senza scendere a compromessi sulla qualità delle finestre. I locatari non devono svuotare uffici e abitazioni. E l’ambiente, poiché viene preservata gran parte della struttura edilizia. Nel caso del grattacielo di Augusta, ad esempio, è stato possibile evitare una montagna di rifiuti di centinaia di tonnellate di acciaio e alluminio.
Il risanamento riqualificato.
  • 1 Il telaio e l’applicazione esistente vengono preservati.
  • 2 ll telaio viene rivestito sul lato interno con un nuovo profilo.
  • 3 Dall’esterno il nuovo telaio ha lo stesso aspetto dei vecchi profili dell’anta.
  • 4 I nuovi profili dell’anta hanno un’estetica Nova-line a tutto vetro.
  • 5 Nell’anta accoppiata è integrata una veneziana.
  • 6 L’esecuzione con montante mobile rivestito di vetro garantisce un maggiore comfort d’uso della finestra, mantenendo invariato l’aspetto esterno.
  • 7 Dato che la posa viene effettuata dall’interno non è necessario smantellare il rivestimento della facciata..

La posa con rivestimento interno del vecchio telaio è una procedura approvata dall'Istituto ift di Rosenheim.
Il risanamento riqualificato.
Una casa, moltissime finestre: una delle sfide principali nella ristrutturazione del grattacielo in via Alter Postweg è stata la necessità di conservare l’aspetto caratteristico della facciata. Grazie alle ante Nova-line con estetica a tutto vetro e montante mobile rivestito di vetro l’edificio ha sostanzialmente mantenuto la sua estetica originaria (a sinistra: prima del risanamento, a destra: lo stato attuale).
Il risanamento riqualificato.
Il risanamento riqualificato.
Nel grattacielo Glöggler ad Augusta, Germania, sono state sostituite 901 finestre in 4 mesi.
Interessato a proseguire con la lettura?
Scopra di più qui.