Händlerlinks
“Porte smart per case intelligenti.”
“Porte smart per case intelligenti.”
Intervista sulle porte intelligenti con gli architetti Stefano Piraccini e Margherita Potente.

Per aumentare il comfort abitativo, gli architetti Stefano Piraccini e Margherita Potente integrano la tecnologia smart home e le porte intelligenti negli edifici che progettano. Spazio dunque a case a basso consumo energetico che sfruttano l’energia solare e il calore prodotto dagli elettrodomestici e a sistemi automatizzati in grado di controllare gli impianti elettrici, la temperatura interna e le porte d’ingresso. L’abitazione del futuro è smart, mettetevi comodi!

La smart home semplifica la vita e aumenta il comfort abitativo. Che soluzioni offre la casa intelligente?
Margherita Potente: “L’interfaccia dello smartphone è interessante perché permette all’utente di dialogare con l’architettura. Questa implementazione ci apre molte porte anche dal punto di vista della sostenibilità. Installando sistemi domotici è possibile gestire l’oscuramento delle finestre e delle porte in vetro, evitando il surriscaldamento o, viceversa, permettendo di riscaldare naturalmente gli edifici. Inoltre ci si può interfacciare con tutti gli elettrodomestici, il che può anche semplicemente significare accendere il forno a distanza per trovare la torta alle mele pronta al rientro dal lavoro o aprire la porta di casa a un amico che si prende cura delle piante quando ci si trova fuori città.”

Aprire la porta d’ingresso a distanza può essere molto utile. Quali altri vantaggi offre la smart home in fatto di porte d’ingresso?
Stefano Piraccini: “Non sarà più necessario rovistare nella borsa per cercare le chiavi e di conseguenza non si rischierà di perderle. Inoltre una porta d’ingresso collegata allatecnologia smart home consente di programmare l’accesso di più persone, per esempio tramite QR o codice a barre. Un altro aspetto molto importante è la sicurezza: disporre di un allarme collegato allo smartphone ci dà la possibilità di controllare che la porta sia stata effettivamente chiusa e ci avverte all’istante in caso di furto con scasso. Tuttavia, anche senza essere collegate a un sistema smart home, le porte d’ingresso possono diventare più intelligenti con un semplice sensore dell’impronta digitale o tramite un telecomando. Questo piccolo accorgimento aumenta già di per sé il comfort abitativo.”

La decisione di integrare le porte intelligenti da cosa dipende? Qual è il profilo tipo di chi sceglie questa tecnologia?
Margherita Potente: “In generale possiamo dire che la maggior parte delle persone che opta per i sistemi smart home e per le porte intelligenti ha una certa dimestichezza con il digitale. Tuttavia sono le esigenze individuali a determinare la scelta: se la casa è a più piani, ad esempio, un’apertura meccanizzata della porta d’ingresso può risultare molto comoda. Questa tecnologia rappresenta un grande aiuto soprattutto per persone con difficoltà motorie o disabilità.”

La tecnologia smart home si limiterà a essere una tendenza passeggera o diventerà una soluzione ricorrente?
Stefano Piraccini: “Nel prossimo futuro prevediamo una diffusione massiccia dei sistemi smart home e delle porte intelligenti. Dopotutto i sistemi digitali per il monitoraggio dei pannelli fotovoltaici, il controllo della ventilazione meccanica, il comando di robot aspirapolvere e la gestione dell’illuminazione sono già soluzioni che introduciamo a capitolato. Le nuove generazioni, che idealmente valuteranno l’acquisto di un immobile tra 5 o 10 anni, sono digital natives; per loro queste tecnologie sono già parte della vita quotidiana.”
“Porte smart per case intelligenti.”
The Shell PassiveHouse: la porta d’ingresso Finstral dal design sobrio ed essenziale offre un ingresso confortevole in questa casa a basso consumo energetico a Cesena.
“Porte smart per case intelligenti.”
Gli architetti Stefano Piraccini e Margherita Potente, titolari dello studio Piraccini+Potente di Cesena, si occupano prevalentemente di architettura sostenibile, implementando nei loro progetti le ultime innovazioni tecnologiche proposte dalla ricerca scientifica.
Interessato a proseguire con la lettura?
Scopra di più qui.