Questo sito utilizza cookie per scopi tecnici ed analitici. Potete modificare le impostazioni dei cookie in qualsiasi momento facendo clic su “Cambia impostazioni”. Cliccando “Accetto” acconsentite all’impiego dei cookie.
 
Cambia impostazioni Accetto
 
La gestione della privacy da parte di Finstral S.p.A.
 
 

Un involucro resistente custodisce luminosi ambienti da vivere

La raffinata ristrutturazione di una casa unifamiliare in Alto Adige

Legno e alluminio: sono questi i due materiali che caratterizzano la facciata esterna di una villetta residenziale situata in una pittoresca località lungo la strada del vino, nella parte meridionale dell’Alto Adige. Una progettazione volta ad esaltare la luminosità degli ambienti, l’impiego di materiali naturali e pregiati, tra cui il legno locale, e l’inserimento di ampie finestre e porte scorrevoli Finstral garantiscono il massimo comfort abitativo. L’edificio, la cui ristrutturazione è stata gestita dall’architetto Manuel Benedikter ed il suo staff, è stato realizzato nel rispetto di elevati standard ecologici, con uno stile che combina sapientemente elementi territoriali con dettagli di moderna funzionalità.
 
 
 
 
 
Anche se a prima vista si ha l’impressione di trovarsi di fronte ad un edificio di nuova realizzazione, in realtà si tratta di un intervento di risanamento egregiamente riuscito. Il seminterrato ed il piano terra sono stati conservati, pur apportando qualche modifica strutturale per adattare gli ambienti alle esigenze progettuali. Il primo piano, con la sua struttura portante in legno, è stato sovrapposto all’edificio esistente, andando così a creare una nuova e ampia zona mansardata. L’obiettivo dell’intervento di riqualificazione era quello di creare un’unità abitativa omogenea, che si integrasse armoniosamente nell’architettura d’insieme del paesino, capace di dialogare con i materiali costruttivi utilizzati per gli edifici del territorio circostante.

La villetta gode di una posizione invidiabile, al centro del paese, e allo stesso tempo immersa in un vigneto. Da ogni piano la vista è diversa, e sempre spettacolare: lo sguardo spazia indisturbato sulle vigne, il campanile, lo splendido panorama delle Alpi meridionali e delle Dolomiti.

Esteticamente, l’edificio doveva saper esprimere sia calore che protezione: funzionali a queste richieste il metallo, utilizzato per conferire la massima resistenza all’involucro esterno, esposto alle intemperie – ed il legno, scelto per rifinire gli ambienti interni, creando un’atmosfera viva, naturale, confortevole. Tra le richieste avanzate dal committente anche quella di realizzare l’involucro esterno con materiali completamente riciclabili. È questo uno dei motivi per cui sono stati scelti serramenti Finstral, tutti progettati in modo da poter essere suddivisi nei singoli componenti e destinati ad un processo di riciclaggio differenziato, una volta terminato il loro utilizzo. I profili di rivestimento in alluminio, agganciati sul lato esterno dei serramenti KAB  di Finstral, assicurano un’ottima resistenza e sono realizzabili in colori e superfici che hanno soddisfatto appieno le aspettative del progettista e della committenza. Soprattutto quando i serramenti sono rifiniti in tinte scure e vengono installati in zone dal clima mite, i gusci esterni in alluminio degli infissi KAB  garantiscono – rispetto ai serramenti in PVC – una resistenza ancora maggiore alle alte temperature, riducendo ancora di più la necessità di manutenzione.

Per assicurare un efficace isolamento termico si è deciso di utilizzare pannelli isolanti su una facciata ventilata in larice non trattato e in alluminio. Sia il legno che l’alluminio possono essere facilmente smontati in caso di necessità, ridestinati ad altro utilizzo oppure adeguatamente smaltiti. La scelta cromatica, attentamente valutata con l’ausilio di vari rendering e campioni di materiale colorato, si è ben presto concretizzata con la decisione di optare per scandole in alluminio color antracite in combinazione con larice non trattato. Per la porzione di edificio che racchiude il piano terra è stata conservata la muratura tradizionale in laterizio, dotata di cappotto esterno sul quale è stata applicata la facciata ventilata in legno. Il rivestimento in larice richiama l’estetica di una tipica abitazione in legno. Le scandole in alluminio scuro ricoprono senza soluzione di continuità tutto il tetto e le pareti laterali, mentre frontalmente fanno da cornice al balcone incassato ed alle pareti in legno, valorizzando le forme decise dell’edificio. Il tetto a doppia falda, pur riprendendo con la sua geometria e la sua inclinazione le linee degli edifici circostanti, grazie al guscio in alluminio assume una propria personalità, forte e contemporanea.

I nuovi volumi del piano mansardato non si caratterizzano solo per il particolare manto di scandole, ma anche per le sporgenze che si creano rispetto alle zone sottostanti, che vanno ad ampliare gli ambienti abitabili del piano sottotetto, e permettono di realizzare spazi all’aperto protetti da vento e pioggia.

Il desiderio dei committenti era quello di realizzare una casa la cui fruizione si potesse adattare a varie necessità abitative. Una porzione del piano superiore doveva essere concepita quale spazio indipendente da mettere a disposizione di eventuali ospiti. Bisognava inoltre tener conto della possibilità di destinarne una parte alla realizzazione di un piccolo appartamento autonomo. Tali esigenze hanno richiesto la costruzione di un secondo accesso dall’esterno, che permettesse a più generazioni di vivere sotto lo stesso tetto. Nel caso in cui al piano superiore debba nascere un appartamento, grazie all’ampio terrazzo incastonato nel tetto i suoi abitanti potranno godere di uno spazio verde riservato a loro. Con le ampie superfici vetrate delle porte-finestre alzanti scorrevoli Finstral gli ambienti interni godono di moltissima luce. Grazie alla soglia estremamente ribassata, poi, non vi sono più barriere nel passaggio fra interno ed esterno.

Anche nella scelta dei pavimenti e degli arredi interni i committenti hanno dato la preferenza a materiali ecosostenibili. I pavimenti in legno e le piastrelle in grès porcellanato ben si abbinano ai mobili in legno nobile di recupero che il proprietario ha in parte disegnato e costruito in proprio. Si è poi cercato di recuperare e riutilizzare quanti più elementi possibile dell’abitazione precedente, tra cui i pavimenti esistenti ed alcune porte interne. Il colore predominante è il bianco, che va ad accentuare la luminosità degli ambienti ed esalta il rigore formale dell’arredamento. La serie di serramenti KAB  di Finstral – con il guscio esterno in alluminio e le superfici bianco satinate all’interno - si integra perfettamente con il design chiaro e moderno scelto per gli interni e l’estetica decisa della facciata esterna.

La certificazione energetica dell’edificio è stata conseguita in conformità con il protocollo CasaClima applicato in Alto Adige. Grazie all’opera di risanamento totale e anche grazie all’impiego di serramenti Finstral dalle eccezionali proprietà termoisolanti l’edificio è stato certificato quale CasaClima B. Per riscaldare la casa si è optato per un impianto di riscaldamento a pavimento a bassa temperatura.

La cucina ed il soggiorno situati al piano terra possono essere separati mediante un’ampia porta scorrevole. La cucina, dotata di una grande isola con piano cottura, soddisfa pienamente le richieste del committente. Da tutte le stanze lo sguardo può spaziare liberamente verso il campanile, il vigneto, il paesino e le montagne.

Il piano superiore è destinato alla zona notte per genitori e figli, con un proprio bagno. Vi si trovano poi le stanze per gli ospiti con un bagno ed una cucina. Uno spazio vivo e vivace all’insegna dell’ospitalità.